anteprime

Ciascuna immagine nella raccolta corrente viene rappresentata da una miniatura nel Tavolo Luminoso e nel modulo anteprime. Una copia delle miniature utilizzate recentemente è salvata nella cache in un file sul disco, e caricata in memoria all’avvio. La dimensione della cache può essere regolata in preferenze > elaborazione > cpu/gpu/memoria.

🔗creazione delle miniature

Si crea una miniatura quando un’immagine viene importata in darktable la prima volta, dopo che un’immagine viene modificata in Camera Oscura, oppure quando si rivisita un’immagine la cui miniatura non è più disponibile.

Quando un’immagine viene importata per la prima volta, darktable può tentare sia di estrarre la miniatura incorporata nel file di immagine di input (la maggior parte dei file raw ne contengono una, di solito in formato JPEG), sia di processare l’immagine raw stessa utilizzando le impostazioni predefinite. Puoi definire come darktable ottiene le sue miniature in preferenze > tavolo luminoso > miniature.

Estrarre la miniatura incorporata dall’immagine di input è solitamente un’operazione molto veloce. Nonostante ciò, queste miniature sono state generate dal convertitore raw della fotocamera e non rappresentano come darktable “vede” quella immagine. Noterai una differenza appena aprirai l’immagine in Camera Oscura, dove darktable rimpiazza la miniatura con quella che ha generato internamente.

Dopo l’importazione darktable genera automaticamente le miniature per le nuove immagini nel momento in cui servono. Quando si importa un ampio insieme di new immagini, la generazione delle miniature può rallentare la navigazione all’interno del Tavolo Luminoso. In alternativa puoi terminare darktable e generare la cache delle miniature separatamente lanciando darktable-generate-cache. Questo programma genererà tutte le miniature mancanti in un colpo solo.

Siccome che la cache delle miniature ha una dimensione massima predefinita, prima o poi verrà riempita. Se nuove miniature vengono aggiunge successivamente, le vecchie vengono scartate dalla cache. Nonostante ciò, darktable manterrà tutte le miniature sul disco se la relativa opzione è attiva in preferenze > elaborazione > cpu/gpu/memoria. Accedere alle miniature in questa cache di secondo livello è più lento dell’accedere alla cache primaria, ma rimane decisamente più veloce del riprocessare le miniature da zero. La dimensione della cache secondaria è limitata soltanto dallo spazio su disco disponibile.

Le miniature non vengono mai eliminate dalla cache secondaria. Puoi pulire manualmente la cache secondaria eliminando tutte le immagini nella cartella $HOME/.cache/darktable/mipmaps-xyz.d(dove xyz denota un identificativo alfanumerico della cache). Dopo aver pulito la cache secondaria puoi semplicemente permettere a darktable di rigenerare le miniature quando servono, o puoi generare tutte le miniature in un colpo solo con darktable-generate-cache.

Se scegli di non attivare la cache secondaria su disco e selezioni una dimensione della cache troppo piccola, darktable potrebbe rallentare, potresti sperimentare una continua rigenerazione delle miniature mentre navighi la tua raccolta, o uno sfarfallio delle miniature. Un buon compromesso sulla dimensione della cache è di 512MB o maggiore (confronta memoria for more information).

Tutte le miniature sono pienamente gestite nei colori. I colori sono visualizzati accuratamente sullo schermo fintantoché il tuo sistema è correttamente configurato per informare darktable sul giusto profilo colore per il monitor. Per ulteriori informazioni confronta la sezione gestione colore.

🔗teschi

Se, per qualsiasi ragione, darktable non è in grado di generare una miniatura, questa verrà rimpiazzata con l’immagine di un teschio skull icon . Niente panico!

There are three main reasons this could happen:

  • Missing image file: darktable remembers all images it has ever imported, as long as they have not been removed from your database. If darktable wants to create a thumbnail but is not able to open the input file, a skull is displayed instead. Users are advised to remove images from the database using the actions on selection module before physically removing them from disk. Alternatively you may occasionally run the script purge_non_existing_images.sh from darktable’s toolset to clean-up your database.

  • Formato file non valido: Anche se l’estensione di un’immagine può sembrare di essere supportata da darktable, il suo contenuto può essere sia un formato immagine non supportato, sia un file corrotto.

  • Carenza di memoria: se darktable finisce la memoria disponibile mentre sta generando una miniatura, ti avvertirà e mostrerà un teschio. Questo può succedere se darktable gira con una configurazione sub-ottimale, specialmente su sistemi a 32 bit. Confronta memoria per ulteriori informazioni.

translations